Benvenuto!  
Ciao Registrati adesso al nostro giornale!    Login                        HOME | NEWS | LINKS | FORUM | DOWNLOAD | CONTATTACI
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Naviga tra le rubriche
 Ultime recensioni
· La Missione di Sennar. Cronache del Mondo Emerso
Licia Troisi,
· Cronache del mondo emerso: Nhial della terra del vento
Licia Troisi
· L'elmo della mente
Ennio Peres-Susanna Serafini
· Eragon
Christopher Paolini
· Diario allo specchio

· Tre metri sopra il cielo
Federico Moccia
· La scuola dei giochi
P.A. Rovatti - D. Zoletto
 Ultimi link consigliati
 Download recenti
Ambiente : La Giornata della Terra e la teoria di Mercalli
Inviato da MediaFabro il 23/4/2013 23:33:52 (870 letture) News dello stesso autore
Ambiente

giornata della TerraIeri 22 aprile in tutto il mondo si è celebrata la Giornata della Terra, promossa dall’Earth Day Italia, l'organizzazione italiana partner dell'Earth Day Network, che è nata con lo scopo di rafforzare e promuovere l'Earth Day e le sue finalità su tutto il territorio nazionale, favorendo lo sviluppo di progetti ed iniziative per il pianeta.
Per ricordarci l’evento, Google ha sostituito il consueto logo con un doodle a tema, che rappresentava un ecosistema interattivo. 



Questa ricorrenza offre
l’opportunità di riflettere sui problemi ambientali del Pianeta,
prendendo in considerazione anche modelli di sviluppo completamente
diversi dal nostro.

Molti
pensano che in un momento di profonda crisi economica, come quella che
stiamo attualmente vivendo, parlare di un diverso modello di sviluppo,
più attento ai problemi ambientali, a una riduzione dell’uso delle
risorse, a una minore produzione di rifiuti e di scorie, a un rispetto
del territorio, sia quasi un optional.

Rispetto
a 40 anni fa, abbiamo 4 miliardi in più di persone. Mercalli, un
meteorologo e climatologo dei giorni nostri che partecipa alla
trasmissione televisiva“CHE TEMPO CHE FA” , ha esposto una teoria sulla
“decrescita felice”. Mercalli afferma che attualmente se tutti
consumassero come noi, nei Paesi sviluppati, occorrerebbe una Terra e
mezzo, nel 2050  se si continua con questo ritmo ne serviranno
addirittura 2 e mezzo.  Lui afferma che è necessario produrre (e quindi
anche consumare) di meno , lavorare e guadagnare di meno anche per far
lavorare gli altri e risolvere, quindi, parzialmente il problema della
disoccupazione. Guadagnando di meno, non potremo consumare cose futili e
eviteremo necessariamente gli sprechi.

Dovremmo
inoltre divenire indipendenti dal petrolio e quindi usare fonti
energetiche alternative, come l’energia eolica, solare, idroelettrica,
le biomasse, ecc.ecc. . Lavorando di meno, avremmo inoltre molto più
tempo libero da passare a produrre cibi biologici, utili per la nostra
salute, e per ridere e scherzare con gli amici, coltivando le relazioni
sociali. Cambiare completamente il nostro modo di vivere e produrre non
ci sembra una cosa semplicissima, ma rivedere alcuni nostri
comportamenti è necessario, perché anche noi facciamo parte dell’
”Ecosistema Terra” e dobbiamo smettere di alterarlo.

Vittorio, Arianna e Eleonora

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
 Cerca

Ricerca avanzata

 Nonni su Internet

Tutti gli articoli

Giornale dei nonni di Fabro


 Sondaggi

 

Linee guida del Ministro Fioroni sull'uso dei telefonini in classe e delle relative sanzioni disciplinari.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project